farsi trovare dai pazienti su internet

FARSI TROVARE DAI PAZIENTI SU INTERNET

Per quanto bello possa essere il tuo nuovo sito devi sapere che la sua semplice esistenza non è sufficiente a farti ottenere nuovi pazienti. Ti abbiamo già dato 8 consigli per costruire un sito ben strutturato (QUI). Ma questo non basta! Ciò che serve, a questo punto, è promuoverlo nel miglior modo possibile. Se non lo fai la tua bella pagina si andrà a sommare a quelle degli altri tuoi colleghi che si lamentano che c’è la crisi e i cui siti vengono visti rispettivamente da: il dentista stesso, la mamma del dentista, il cugino del dentista, il collega del dentista. Un sito ben strutturato non basta se non viene assistito da un’adeguata strategia di Web marketing!

Per dare vita a una buona strategia di promozione devi conoscere alcuni principi, a cominciare da ciò che, in gergo, viene definito SEO (Search Engine Optimization) ovvero l’ottimizzazione di un sito per i motori di ricerca.

I MOTORI DI RICERCA

Google, Bing e Yahoo, sono motori di ricerca, ovvero strumenti per mezzo dei quali è possibile, come dice il nome stesso, ricercare alcune parole nel mare magnum di siti di cui si compone il Web.

Una volta digitata la parola, o la serie di parole, nelle apposite caselle il motore restituisce una lista di siti che le contengono: ad esempio si digita la parola “dentista” e si ottengono come risultati tutti i siti nei quali questa parola è presente. I motori di ricerca setacciano di continuo l’intero World Wide Web e includono nel proprio archivio di indirizzi tutti i siti che riescono ad individuare, indipendentemente dalla qualità dei loro contenuti.

È chiaro che nei risultati proposti dai motori di ricerca confluiscono anche siti di bassa qualità, che magari hanno anche contenuti scadenti. Per aiutare gli utenti a entrare nei siti migliori, ossia quelli più ricchi di contenuti, i motori di ricerca ricorrono a delle tecniche grazie alle quali ad ogni sito archiviato viene attribuito un valore. Viene dato un voto, proprio come a scuola. In questa maniera i motori di ricerca sono in grado di fornire agli utenti una lista di siti ordinati in base al loro indice di qualità privilegiando quelli che offrono un’esperienza migliore ai visitatori.


FARSI TROVARE DAI PAZIENTI SU INTERNET: SEGRETO N’1
RENDERE VISIBILE I SITI SUI MOTORI DI RICERCA

Per migliorare il posizionamento del tuo sito devi dotarti di una serie di accorgimenti. Tutto parte, in ogni caso, dalla progettazione del sito stesso che deve avere delle caratteristiche adatte ad attirare non solo gli utenti, ma anche i motori di ricerca. È questa la principale ragione per cui ti consigliamo di affidarti ad esperti del settore che sappiano come creare un sito di qualità, capace quindi di ottenere un ottimo posizionamento.

L’obiettivo di questo paragrafo non è quello di inondarti di informazioni su come diventare un fenomeno del SEO. Perché i motori di ricerca si aggiornano continuamente e la formula che funziona oggi, potrebbe non essere più efficace domani!
Il principio fondamentale del SEO è: devi individuare alcune parole chiave o una combinazione di parole chiave, dette “keyword”, per cui vorresti essere rintracciato sui motori di ricerca. In sintesi, un utente, digitando queste parole dovrebbe ritrovarti nelle prime pagine propostegli.

Molti professionisti ritengono che non essere nella prima pagina dei risultati di una ricerca, ma nella seconda, o nella terza sia un buon risultato. Non è così. Secondo un’indagine di Google più del 70% dei clic avvengono sui siti delle aziende in prima pagina, la seconda e la terza pagina, insieme, contano solo il 6% dei clic totali, da ciò si evince come l’obiettivo primario che devi avere creando il tuo sito è di essere in prima pagina.

Altro dato importante: i primi 5 risultati della prima pagina ottengono il 68% dei clic contro il 3,5% dei secondi 5.

farsi trovare dai pazienti su internet 2

Il grafico del tasso di clic degli utenti in base alla posizione nelle ricerche Google.
Se non sei nelle primissime posizione hai poche speranze di essere cliccato.

A questo punto diventa importante che tu decida quali saranno le tue keyword, le parole, cioè, che consentiranno a dei potenziali pazienti di trovarti su un motore di ricerca. Come fare? Il consiglio che ti diamo è di pensare con la testa di un potenziale paziente: cosa digiteresti su un motore di ricerca se volessi cercare un odontoiatra?
Ti suggeriamo noi la prima keyword: “dentista [nome della tua città]”. A questa prima combinazione potresti poi aggiungerne altre con tutti i sinonimi o le declinazioni della parola “dentista”: odontoiatra, endodonzista, pedodonzista. Ancora: potresti scegliere il nome di un servizio che offri e il nome della tua città tipo: “sbiancamento dentale [nome della tua città]”, “igiene dentale [Modena]”.

Quello che dovrai fare, fondamentalmente, sarà riempire (ma senza esagerare) il tuo sito di queste parole chiave: nell’indirizzo del sito, nei “meta-tag3” delle pagine, nei menù a tendina, negli articoli del blog. E potrebbe esserti utile anche utilizzare alcuni accorgimenti come scrivere ad esempio le keyword in grassetto.

Attenzione: “riempire” non significa usare impropriamente queste parole ripetendole 1000 volte col copia incolla in un articolo. I lettori sono i primi ad accorgersi quando un testo è stato “drogato”. E anche i motori di ricerca sono in grado di valutare se le keyword sono state utilizzate con naturalezza o in maniera artificiosa.


FARSI TROVARE DAI PAZIENTI SU INTERNET: SEGRETO N’2
VISITATORI DI QUALITÀ

Se non fosse ancora chiara l’importanza di apparire nei primi risultati sui motori di ricerca adesso proviamo a calcare la mano elencandoti le caratteristiche dei visitatori che ti hanno cercato tramite Google, Bing o chi per essi.

Un utente che arriva al tuo sito attraverso un motore di ricerca è: attivo, motivato e “targettizzato”. Se ha effettuato quella determinata ricerca è proprio perché, in quel momento, era determinato a trovare un sito che rispondesse a quella sua specifica necessità.

Se mandi un depliant a casa di un paziente o se gli invii un’email sei TU che ti stai proponendo attivamente. Sei TU che stai cercando di invogliare una persona a venire nel tuo studio. Ci sono, però, anche buone probabilità che in quel momento quel paziente non senta l’esigenza di venire da te. Questo è quello che, in gergo, si definisce Outbound (tradotto:“in uscita”) marketing, ovvero quel tipo di promozione in cui è l’azienda a cercare il proprio pubblico.

Il visitatore proveniente da un motore di ricerca, invece, è padrone delle sue scelte e quindi maggiormente motivato all’ “acquisto”. Questo è quello che si definisce Inbound marketing. L’inbound (tradotto: “in entrata”) marketing capovolge il punto di vista e fa sì che sia il cliente a cercare attivamente l’azienda.


FARSI TROVARE DAI PAZIENTI SU INTERNET: SEGRETO N’3
CONTENUTI DI QUALITÀ

Fino adesso abbiamo parlato di piccoli escamotage per far salire in “classifica” il tuo sito. Senza voler contraddire quanto detto sopra esiste una verità fondamentale: la miglior tecnica di SEO per un sito è fornire continuamente dei contenuti di qualità, ovvero argomenti, informazioni o notizie che vadano incontro alle esigenze dei tuoi visitatori.

Da qui si innesca un effetto a catena: se offri contenuti interessanti e il sito è stato progettato nella maniera adatta, un numero sempre maggiore di utenti si collegherà al tuo portale. In questa maniera salirà anche il punteggio e l’indice di qualità assegnato dai motori di ricerca.

Parti da qui: senza incaponirti sullo studio di complesse tecniche di posizionamento e senza spendere un sacco di soldi in agenzie web incomincia a fornire ai tuoi visitatori contenuti degni di interesse. Questa è la miglior tecnica gratuita per salire in graduatoria e farti trovare sui motori di ricerca.


FARSI TROVARE DAI PAZIENTI SU INTERNET: SEGRETO N’4
ADWORDS

“Non è vero che il ricercatore insegue la verità, è la verità che insegue il ricercatore.” R. Musil
Un altro strumento per promuovere lo studio è Google Adwords. Un servizio di advertising che ti consente di inserire spazi pubblicitari all’interno delle pagine di ricerca di Google. Premesso che usarlo richiede un discreto investimento economico, il nostro consiglio è di farsi aiutare da qualche esperto perché oltre che costosa, la piattaforma non è così intuitiva. Comunque, a cosa serve Adwords? Serve a sopperire alla mancanza di risultati con il SEO tradizionale. Se non sei riuscito a portare in prima pagina il tuo studio di Roncobilaccio puoi “pagare” Google perché digitando “dentista Roncobilaccio” l’utente veda comparire l’annuncio del tuo studio nella pagina di ricerca.

Certo, finché parliamo di Roncobilaccio forse la cosa potrebbe funzionare. Ma se tu dovessi pagare Google per far comparire il tuo annuncio su ricerche come “odontoiatra Roma” o “dentista Milano” rischieresti di spendere davvero tanti soldi (a seconda dell’importanza della città parliamo di centinaia, o più probabilmente, migliaia di euro), perché un sacco di tuoi colleghi fa lo stesso e Adwords funziona come un’asta al rialzo. L’alternativa potrebbe essere cercare parole più specifiche o di nicchia come “sbiancamento dentale Milano Sud”. La scelta delle keyword con cui promuoversi però è solo il primo step. Devi anche assicurarti che il sito o la landing page a cui rimanda il tuo annuncio sia molto ben strutturata e che il rapporto tra le persone che vi transitano sopra e quelle che effettivamente vi lasciano i loro dati sia elevato.

farsi trovare dai pazienti su internet 3

Questo è un esempio di una buona landing page nel settore dentale. Questa pagina promuove lo sbiancamento. Lo slogan è molto chiaro e diretto: “Adesso puoi avere denti più bianchi in pochi minuti!”.

Promettere di poter risolvere un problema estetico evidente in pochi istanti… invitante no? I principali vantaggi offerti dal prodotto e il bollino “100% soddisfatti o rimborsati” fanno il resto del lavoro. Lo scopo della pagina è solo ed esclusivamente quello di portare i visitatori a compilare il modulo per la richiesta di informazioni sulla destra. Non a caso il riquadro è di colore rosso per saltare subito all’occhio. All’utente, in cambio della compilazione, viene promessa inoltre una prova gratuita in maniera da invogliarlo ad inviare i suoi dati SENZA IMPEGNO. Questa formula può essere molto efficace per ricevere un gran numero di richieste di informazione. Chiaramente sarà poi compito del titolare dello studio, della segretaria o di chi per loro, trasformare i contatti potenziali in veri e propri pazienti. Offri sempre un vantaggio ai tuoi visitatori…possibilmente qualcosa di gratuito, questa è la prima mossa per adescarli!


FARSI TROVARE DAI PAZIENTI SU INTERNET: SEGRETO N’5
TUTTE LE ATTIVITÀ ONLINE E OFFLINE DEVONO RIMANDARE AL TUO SITO

In generale tutto quello che fai dovrebbe rimandare direttamente al tuo sito. Fai un volantino? Mettici anche l’indirizzo del sito! Fai una brochure o una newsletter? Mettici l’indirizzo del sito! Stampi dei block notes o dei banner pubblicitari? Non dimenticare di mettere sempre il link al tuo sito! Nella firma della tua mail? Mettici in calce l’indirizzo del sito! Insomma…inseriscilo dappertutto! Prima o poi qualcuno finirà pur per visitarlo!


FARSI TROVARE DAI PAZIENTI SU INTERNET: SEGRETO N’6
MONITORARE LE STATISTICHE DEL SITO

farsi trovare dai pazienti su internet 4

Per verificare se la tua strategia di comunicazione funziona, cioè se il tuo sito è visitato, devi dotarti di uno strumento che ti consenta di monitorare le statistiche. Il servizio (gratuito) più diffuso e utilizzato è sicuramente Google Analytics.

Registrarsi è semplice e intuitivo e per collegarlo al tuo sito probabilmente non avrai neanche bisogno di un esperto. Nel caso tu non riesca a fare tutti i passaggi da solo rivolgiti a chi ti ha creato il sito. Analytics permette di misurare il traffico sul tuo sito e capire da dove provengano le visite (da motori di ricerca, da Facebook ecc…). In questo modo potrai comprendere se la tua pagina viene effettivamente visitata, da dove vengono le visite e quindi quali siano gli strumenti online che stai presidiando bene e su quali invece non ti sei ancora mosso in modo adeguato. Potrai poi conoscere attraverso quali parole utilizzate sui motori di ricerca vieni maggiormente cercato e decidere di investire proprio su quelle in future strategie.

Infine, qualora si fosse deciso di investire risorse economiche con un annuncio su Adwords, è importante sapere che Analytics è collegato ad esso e consente quindi agli utenti di monitorare gli annunci online, capire il rendimento degli stessi fornendo informazioni utili per ottimizzare le campagne.

Tratto dal libro “Dental Marketing”. Per maggiori informazioni sul libro CLICCA QUI

Vorresti una mano per trovare nuovi pazienti?

OSMM, la 1′ società di consulenza per studi dentistici, da oltre 15 anni specializzata nel settore, può fare al caso tuo! Per ricevere maggiori informazioni COMPILA SENZA IMPEGNO IL MODULO QUI SOTTO creare-un-sito-internet-per-dentisti-7

Nome e Cognome (richiesto)

Città (richiesto)

Email (richiesto)

Telefono (richiesto)

Il tuo messaggio

Per inviare il modulo

Dichiaro di aver letto l’informativa di cui all’articolo 13 del D.Lgs 196/2003
presto nego il consenso al trattamento dei dati personali per la finalità 1 riportata nell' informativa.
presto nego il consenso al trattamento dei dati personali per la finalità 2 riportata nell' informativa.

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *